Siti web: deduzione fiscale dei costi e ammortamento

SITI WEB: DEDUZIONE FISCALE DEI COSTI E AMMORTAMENTO

Siti web: deduzione fiscale dei costi e ammortamento

Quanto e Come posso scaricare fiscalmente i costi di un sito web?

 

Ammortamento sito internet

 

La deducibilità fiscale dei costi per la realizzazione di un Sito Internet (ovvero l’ammortamento sito internet) dipende dal tipo di Sito Web che si vuole creare:

  • si possono scaricare fino al 50% delle spese per gli E-Commerce: in questo caso vengono considerati oneri pluriennali.
  • deducibilità fino al 100% per i Siti Web “tradizionali” (comprese le Landing Page): considerate come spese di pubblicità.

 

 

Sito web e deducibilità dei costi

 

Le aziende e i professionisti sanno che, oggi più che mai, è necessario dotarsi di un sito internet che presenti la propria attività e/o estenda il proprio commercio sul web.
Essendo un’interfaccia su un mondo globale, il web è il modo più semplice per farsi pubblicità e per “farsi trovare” da nuovi potenziali clienti.
Il più delle volte ci si sofferma però sui costi sito ecommerce o sito internet vetrina.
Ciò che talvolta sfugge è quanto convenga a livello fiscale la creazione di un sito web.

Quant’è l’ammortamento sito internet ovvero quanto possiamo scaricare dalle tasse i costi di un sito internet o di un ecommerce?

 

 

Ammortamento sito web

 

Oggi andremo ad analizzare i vantaggi della scelta nel realizzare un sito web e quali sono gli investimenti da sostenere a seconda del tipo di attività preposta e degli obiettivi che si intende raggiungere.
A seconda dello scopo che si intende raggiungere e del tipo di servizio che si vuole acquistare, il trattamento contabile è differente.

Possiamo dividere in due categorie i siti web:

  1. siti e-commerce che consistono nella presentazione e l’acquisto di beni/servizi direttamente on line che l’azienda produce, commercializza.
  2. siti pubblicitari/vetrina dove l’azienda presenta il suo prodotto e servizi nel mondo della rete globale.

 

Un sito Internet può essere considerato come un’opera di ingegno di carattere creativo, così come regolamentato dall’Art. 2575 del Codice Civile, in quanto è una creazione intellettuale originale dell’autore.

 

Definito questo possiamo comprendere qual è la sua posizione fiscale e il relativo trattamento contabile.

 

 

Disciplina contabile e fiscale dei costi legati ai siti web

 

Precedentemente abbiamo fatto due distinzioni in merito la possibilità di creare due tipologie di siti web.

 

 

Scaricare i costi di un e-commerce

Ammortamento sito ecommerceSe optiamo per la prima scelta e il nostro intento è quello di sviluppare un’attività commerciale sul web, allora faremo parte della categoria dei siti e-commerce e fiscalmente gli oneri sostenuti per la realizzazione del sito Internet dovranno essere indicati nei costi pluriennali.

La motivazione è data dal fatto che la natura del costo è identica a quella di un software e quindi costituisce un’attività immateriale per la società.

Secondo il principio contabile OIC n. 24 gli oneri pluriennali del sito internet vanno iscritti nello Stato Patrimoniale tra i beni immateriali soggetti a tutela giuridica e devono essere classificati tra le immobilizzazioni immateriali nella voce B.I.3 “Diritti di brevetto industriale e utilizzazione delle opere dell’ingegno”.

L’articolo 103 comma 1 del TUIR dispone invece che le quote di ammortamento del costo dei diritti di utilizzazione di opere dell’ingegno sono deducibili in misura non superiore al 50% del costo e quindi con un periodo minimo di ammortamento fiscale pari a due anni e purché costituisca partecipazione al processo produttivo in modo duraturo.

 

 

Scaricare i costi di un sito web (no e commerce)

ammortamento sito internetNel caso invece il sito web è limitato ad illustrare i prodotti/servizi facendo conoscere l’azienda (il punto due precedentemente indicato) le spese sostenute per la realizzazione dello stesso verranno considerati come costo di esercizio nella voce del Conto Economico e quindi totalmente deducibili nell’esercizio, come da modifica del D.Lgs 139/2015 in merito i “costi di pubblicità”.

 

 

Deducibilità dei costi di aggiornamento di un sito web

 

I costi di manutenzione e gestione del sito sono invece sempre considerati come costo dell’esercizio nel conto economico perché sono costi operativi che riguardano l’anno in esercizio.

 

 

Servizi di web marketing deducibili al 100%

 

Concludendo, il sito Internet può essere considerato un valore storico e un investimento dell’impresa se questo viene considerato nelle immobilizzazioni immateriali.

E’ dunque importante comprendere qual è la scelta migliore da intraprendere in quanto la deducibilità dei costi nell’esercizio dipende dalla reale scopo del sito Internet e da quanto questo partecipi al processo produttivo e duraturo dell’azienda.

 

Oltre al Sito web sono deducibili al 100% anche altri servizi:

 

Noi di Special For You, web agency di Torino, siamo a tua disposizione per ulteriori informazioni su deduzione fiscale sito web.

Chiedici informazioni sulle deduzioni fiscali di un sito web
Condividi su:
No Comments

Post A Comment