Nuovo Sito Web – 10 motivi per rinnovare il tuo vecchio sito

Nuovo Sito Web – 10 motivi per rinnovare il tuo vecchio sito

Stai cercando di capire se è il caso di passare ad un nuovo sito web?

Il tuo sito web non ti soddisfa più?

Non ottieni più risultati e vorresti rinnovarlo?

O semplicemente ti stai chiedendo perché rinnovare il sito web?

 

Il Sito Web

 

Sai quanti siti web ci sono online in questo momento? Prova a pensare ad un numero…

Ebbene qui trovi la risposta: numero totale di siti web.

Questo per dirti che oggi è molto difficile ottenere risultati di business sul web, ed un semplice sito web non basta. C’è bisogno che il nuovo sito sia non solo graficamente accattivante ma che sia anche presente nei primi risultati di Google e che sia funzionale al raggiungimento degli obiettivi aziendali.

Per questo motivo, pensiamo che un nuovo sito web debba essere creato da uno specialista e non affidarsi a quelle piattaforme semiautomatiche che ti permettono di realizzare un sito internet da soli.

Se sei interessato ad un nuovo sito web che abbia risultati di business per la tua attività, noi di Special4u – webagency siamo pronti a soddisfare le tue richieste.

 

Se sei ancora in dubbio, qui di seguito trovi l’infografica e di seguito – in dettaglio – indichiamo quelli che per noi sono 10 motivi per rinnovare il tuo vecchio sito web.

 

10 motivi per rinnovare il tuo vecchio sito web

 

1) Il tuo sito non è responsive

 

Responsive è la caratteristica che garantisce che il tuo sito Web venga visualizzato correttamente su diversi dispositivi come PC desktop, laptop, tablet o telefono cellulare.

Oggigiorno sono di più gli utenti che navigano sul web utilizzando tablet e smartphone rispetto a quelli che utilizzano il computer fisso. Ogni momento è buono per cercare una specifica informazione, per fare degli acquisti online, per trovare aziende o semplicemente per passare il tempo su qualche social network.

Sarebbe un errore gravissimo avere un sito poco “usabile” su smartphone, proprio nel momento in cui un utente è interessato ad un tuo prodotto o servizio.

Tra l’altro c’è da considerare il fatto che Google premia, in termini di posizionamento nelle “query di ricerca“, i siti internet che sono responsive (cioè adattabili ai dispositivi mobili) rispetto a quelli che non lo sono (e che vengono penalizzati).

 

2) Il caricamento è molto lento

 

Secondo le statistiche circa il 53% dei visitatori abbandonano un sito se questo richiede più di 3 secondi per caricarsi da un dispositivo mobile.

 

E il tuo vecchio sito, di certo, ci impiega ben più di 3 secondi per caricare una pagina!

Un sito lento quindi può portare l’utente ad abbandonare la pagina, con conseguente diminuzione delle conversioni, ma c’è un altro aspetto non meno importante ovvero che un sito lento viene penalizzato da Google, che a partire da luglio 2018 ha inserito la velocità di caricamento delle pagine tra i fattori di ranking per la ricerca mobile.

La soluzione è ovvia: per mantenere i tuoi visitatori sul sito, devi assicurarti che si carichi all’istante. Se il tuo sito Web impiega diversi secondi (se non minuti) a comparire sullo schermo, è giunto il momento per te di pensarne uno nuovo.

 

3) Alta frequenza di rimbalzo

 

Per prima cosa definiamo cos’è la frequenza di rimbalzo e perché bisognerebbe preoccuparsene.

Secondo Google, un rimbalzo è una sessione di una sola pagina sul tuo sito. È una brutta cosa?

Se il successo del tuo sito dipende dalla visualizzazione di più di una pagina da parte degli utenti, allora sì, una frequenza di rimbalzo elevata è negativa. Ovviamente se il tuo sito è formato da una sola pagina (es. Landing Page) allora chiaramente non è da prendere in considerazione.

Bounce Rate o frequenza di rimbalzo

La frequenza di rimbalzo (o bounce rate in inglese) sta ad indicare la percentuale di visitatori che si limitano a visitare una sola pagina del sito web in cui sono atterrati. Il termine “rimbalzo” indica appunto questo: l’utente arriva sul sito e rimbalza subito via.

Esistono numerosi motivi per cui la frequenza di rimbalzo è elevata, ad esempio un’esperienza utente confusa, contenuti illeggibili, design poco attraente o funzionalità difettosa. Unica soluzione: passare ad un nuovo sito web!

 

4) Disallineamento con la brand identity

 

La comunicazione online dovrebbe essere coerente con l’identità di marca della propria azienda, mostrando i principi e le idee della tua azienda in maniera chiara, immediata e coerente.

Un nuovo sito web dovrebbe avere le caratteristiche di immediatezza, usabilità e contenuti validi.

Grazie al sito, la brand identity può trasparire dall’aspetto grafico, con richiamo dei colori e del logo del brand, e ovviamente tramite i contenuti.

Testi, immagini, video: tutto il materiale presente deve essere allineato con il tono di voce e l’atteggiamento del tuo marchio.

Curare questo aspetto serve ad arrivare in maniera immediata al pubblico, a trasmettere fiducia e a farsi riconoscere.

 

5) Se la grafica del tuo sito non è più attuale

 

Come abbiamo già detto ci sono 1 miliardo e mezzo di siti web on line, e, in ogni settore, la concorrenza è spietata.

Gli utenti che navigano il web sanno benissimo che possono ottenere lo stesso risultato di ricerca su siti web diversi. Pertanto se il tuo vecchio sito contiene ancora animazioni Flash, layout poco accattivanti, colori che non rispecchiano l’identity aziendale, grafiche poco professionali, stai sicuro che l’utente cambierà velocemente e andrà da un tuo concorrente.

Rinnovare la grafica del tuo sito web è molto importante per migliorare le vendite, raggiungere più clienti e anche per dare una buona immagine della tua attività o progetto.

 

6) Il tuo sito web non è facile da consultare, esperienza utente difficile

 

Il concetto di Esperienza Utente o User Experience (UX) sta diventando sempre di più fondamentale per quanto riguarda Internet ed indica il giusto mix di velocità, fruibilità e funzionalità su ogni tipo di dispositivo.

Purtroppo molto spesso la navigazione all’interno di un sito web è troppo complicata, contenuti nascosti e inaccessibili, mancanza di invito alle azioni o gerarchia di sezioni chiare.

L’usabilità quindi rappresenta la qualità dell’Esperienza dell’Utente quando esso interagisce con il nostro sito web.

Nel web quindi l’usabilità è basata fondamentalmente sull’efficacia e sull’efficienza di una pagina web: semplicità, chiarezza, facilità di apprendimento e velocità nella navigazione.

La domanda che dobbiamo quindi porci ogni volta che utilizziamo il sito web della nostra azienda è quindi questa: gli utenti saranno in grado di navigarlo facilmente ed accedere alle informazioni di cui hanno bisogno in modo che possano compiere l’azione che ci siamo prefissati?

Rinnovare il sito web - Restyling sito internet

 

7) Sito non aggiornato

 

Se avere un sito online è il primo passo per lanciare un’azienda sul web, il secondo, e sicuramente mantenerlo sempre aggiornato.

Con i nuovi sistemi CMS come WordPress, aggiornare il sito con novità e contenuti attuali è cosa che possono fare tutti, non c’è più bisogno, come per i vecchi siti statici, chiamare il programmatore per aggiornare un’informazione o i dettagli di un prodotto.

Perché aggiornare costantemente il sito? Semplicemente perché tutti i grandi player del mercato lo fanno e perché è l’unico sistema per ottenere i risultati col proprio sito web.

Un utente che raggiunge un sito privo di news aggiornate, che presenta promozioni ed offerte vecchie e concluse, o il cui ultimo post sul blog è vecchio di mesi, non ci pensa un attimo e cambia sito. Rinnovare sito web? Si è arrivato il momento di farlo!

 

8) SEO non ottimizzata

 

Nell’ambito dei motori di ricerca avrai sicuramente sentito parlare della SEO… ma cos’è la SEO e come mai è così importante?

SEO è l’acronimo di Search Engine Optimization e identifica tutte quelle attività realizzate esplicitamente per rendere visibile un sito sui motori di ricerca.

Grazie alla SEO puoi quindi migliorare la visibilità del tuo sito web sui motori permettendo agli utenti di raggiungere facilmente i tuoi contenuti online. Questo significa più visite di persone realmente interessate ai servizi che proponi e più contatti di valore da tramutare in vendite.

Se hai un sito web e hai deciso di lanciare il tuo business in rete preoccuparti del ruolo dei motori di ricerca per il raggiungimento dei tuoi obiettivi è più importante di quello che credi.

Si stima infatti che il 90% dei navigatori della rete utilizza i servizi di ricerca per trovare informazioni online.

SEO Attività e Servizi by Special4u.it

Per una consulenza gratuita sulla SEO: Analisi SEO gratuita oppure approfondisci l’argomento con il nostro articolo: Consulenza SEO.

 

9) Se hai un sito web statico

 

Esistono fondamentalmente due tipi principali di siti web: statici e dinamici. I siti web statici sono il tipo più semplice di siti web senza codifica e database personalizzati e i più semplici da creare. I siti web dinamici invece sono in grado di visualizzare contenuti diversi dallo stesso codice sorgente, quindi sono più sofisticati.

Generalmente un sito statico è pensato per essere costruito e non essere più modificato, tranne che per l’aggiornamento occasionale di un’immagine o forse di un prezzo.
Come suggerisce il nome, i siti web dinamici contengono pagine dinamiche caratterizzate da contenuti in costante cambiamento che sono più funzionali, con cui gli utenti possono interagire, non solo leggere.

Questi siti sono progettati per essere aggiornati frequentemente, di solito dal proprietario del sito e non dal costruttore del sito (anche se a volte da entrambi).

Tutti i siti web di successo sono di tipo “dinamico” per cui se il tuo attuale sito web è statico, è arrivato il momento di aggiornarlo o di costruire un nuovo sito internet!

 

10) Il tuo sito web non ha un blog aziendale

 

Cosa è un blog aziendale? Un blog aziendale è una sezione del sito gestibile in totale autonomia, quindi senza l’intervento dell’agenzia web, dove l’imprenditore, gli agenti, i collaboratori, tutte quelle persone autorizzate dall’azienda condividono con i clienti attuali e potenziali, esperienze lavorative, casi studio di successo, aggiornamenti aziendali, consigli utili, testimonianze e recensioni, lancio di nuovi prodotti, nuovi servizi, promozioni e argomentazioni tecniche.

Una sorta di diario di bordo aziendale che può essere letto da tutti e quindi dai clienti e soprattutto dai potenziali clienti che arrivano dai motori di ricerca.

Creare un sito web aziendale è una cosa a cui pensano più o meno tutte le aziende. Ma creare e curare un blog aziendale è qualcosa su cui riflettono in pochi.

 

 

Interessato al lancio nuovo sito aziendale? Chiamaci subito o scrivici per un preventivo.

 

Chiedici informazioni e prezzi per un nuovo sito web

Condividi su:
No Comments

Post A Comment